Bottino pieno

Bottino pieno per il Rugby Rho domenica: vittoria, bonus, un salto di 5 punti in classifica e le buone notizie non finiscono qui, perché il gruppo sta dando evidenti segnali di crescita.
In cielo 50 sfumature di grigio, non piove ma il campo è comunque pesante e certamente non favorevole alla nostra leggera ma agile squadra, senza contare che alla lunga lista degli infortunati si aggiunge l’assenza più che giustificata di Capitan Giannotti, alleggerendo di carisma, chili ed esperienza il pack.

La partita
Milano mostra muscoli e organizzazione di gioco, Rho risponde con una difesa aggressiva ma concede al terzo minuto una punizione che permette agli ospiti di portarsi in vantaggio (0-3). I Biancorossi rispondono subito e sorpassano con una meta al 5’ grazie a un carretto ben confezionato dopo una touche vincente. Realizza Asperti, che così onora al meglio l’esordio in prima squadra. Il capitano di giornata, Armadillo, porta il punteggio 7 a 3. La partita è godibile perché le squadre si affrontano a viso aperto: Rho soffre gli avanti avversari e dalle mischie chiuse scarseggiano i rifornimenti, anzi spesso perdiamo palloni da noi introdotti; di contro l’asfissiante difesa Rhodense (si vedono in azione addirittura delle mini unit) costringe i Milanesi ad aprire il gioco e in campo aperto, non ce n’è, i nostri sono sopra a tutti!
Al 20’ il capolavoro di giornata: Milano, ancora una volta con l’acqua alla gola, è costretta dalla pressione rhodense a un calcio di liberazione, l’ovale viene catturato a metà campo dal nostro estremo che ricicla subito. Seguono una decina di fasi rapidissime, passaggi finalmente ben dosati, ottimo sostegno e mani salde, assist di Asperti per Armadillo e meta. Standing ovation, Armadillo piazza per i 2 punti supplementari mentre i ragazzi del CUS sono ancora in preda alle vertigini (14-3).
Mai domi, i nostri ospiti ribattono colpo su colpo e si riportano sotto al 25’ con una meta poi trasformata (14-10); la superiorità del pack milanese si fa sentire e gli ospiti mettono le tende nella nostra metà campo senza però mai essere pericolosi e nella classica azione di contropiede, Rho con una bella azione alla mano mette in condizioni Destro, per l’occasione in posizione di ala, di involarsi sulla fascia e dopo aver uccellato l’estremo difensore, di realizzare un’altra meta trasformata ancora da Armadillo (21-10). Subito dopo l’arbitro fischia la fine del primo tempo.

Il secondo tempo
L’eco del fischio che sancisce l’inizio della ripresa non si è ancora spenta, che Milano accorcia le distanze approfittando di una distrazione della difesa, perforata da un calcetto (21-17). Per i rimanenti 39 minuti Rho esercita una sterile supremazia territoriale, incapace di realizzare pur giungendo più volte a ridosso della linea fatale. Inconcludenza che poteva costare cara, perché con lo scorrere dei minuti Milano ribalta l’inerzia della partita rendendosi pericolosa e giungendo anche a pochi metri dalla meta. L’ultimo minuto di gioco vede ancora Milano scavare solchi con i tacchetti, sospingendo all’indietro i nostri eroi di mischia in una ruck vincente, nella foga della spinta nessuno dei milanesi si accorge che l’ovale esce dal groviglio di corpi dalla loro parte. Camagni invece sì, è con un no look pazzesco offre ad Asperti un pallone e un’autostrada libera fino ai pali avversari, che il rookie percorre di gran carriera inseguito senza successo da un nugolo di maglie nero verdi: 28 a 17 e fischio finale.

Vittoria meritata, ma punteggio un pò bugiardo che punisce oltre misura il gioco espresso dei nostri ospiti, mai domi fino all’ultimo; al di là della vittoria, gratifica la progressiva crescita della cifra tecnica dei nostri beniamini, più presenti in campo, meno istintivi, più attenti alla copertura degli spazi, meno fallaci nei fondamentali e anche più disciplinati. Molti ancora i margini di crescita e l’esperienza da maturare, ma l’importante è continuare la salita. Complimenti alla recluta Asperti (se il buongiorno si vede dal mattino…) e buon rugby a tutti.

Formazione: Felline, Armadillo (Cap), Ricco D, Ricco G (Baldin), Monti F, Destro, Ribatti, Dessi, Ricco F (Guarinelli), Di Marco, Ricco E, Docinto (Vachino), Capitaneo, Asperti, Stoica (Camagni). NE: Galli, Dotel Perez, Guidi

Tabellino:

  • 3’ cp CUS
  • 5’ m Asperti +t
  • 20’ m Armadillo+t
  • 25’ m CUS+t
  • 40’ m Destro +t
  • 41’ m CUS +t
  • 80’ m Asperti +t

Calci e trasformazioni: Armadillo (4/6)

Man of the Mach: Asperti

Ed ecco il link alle foto.