LUNGA VITA AL RUGBY RHO!

Ieri, 22 maggio, durante l’Assemblea Ordinaria del Rugby Rho, è stato eletto il nuovo Presidente Paolo Passarella, che ha presentato un programma condiviso nell’ultimo periodo con i soci per aggregare più persone possibili, con le loro competenze, per dare un nuovo corso alla nostra squadra, dopo due difficili anni segnati dalla pandemia.

Paolo Passarella ha iniziato a giocare a rugby a 17 anni, fermandosi a 42 anni, solo per limiti di età, sempre e solo con un’unica maglia. Quella del Rugby Rho. Fuori dal campo gestisce l’officina meccanica fondata dalla sua famiglia ed è stato consigliere della nostra società nelle passate stagioni.

Al termine dell’Assemblea tutti in piedi per Claudio. I settantadue soci intervenuti hanno omaggiato il Presidente del Rugby Rho, Claudio Balconi, con un lunghissimo e accalorato applauso per l’impegno di una vita verso la nostra Società. Essere in prima linea per 27 anni non può essere solo passione, è un atto d’amore verso il Rugby Rho. E costruire le basi per un nuovo corso, che permetta al nostro Rugby Rho di evolvere ulteriormente attraverso una realtà sociale e territoriale radicalmente cambiata, è la dimostrazione di quanto sia grande questa storia d’amore.

Nel passare le consegne, Claudio, ha indicato la rotta dalla quale non dovremo allontanarci: crescere e migliorare senza mai discostarci dai nostri valori.

Le parole del neoeletto Presidente, Paolo Passarella sono state di estrema stima e senso di continuità verso Claudio:

“L’eredità è molto pesante ma il tuo esempio rimarrà sempre un modello a cui ispirarci. Nella mia vita rugbystica ho avuto tre presidenti: Umberto Casati, Luigi Bassetti e Claudio Balconi. Claudio è gran parte del Rugby Rho che conosco. Dall’alto dei suoi 27 anni di presidenza è una montagna enorme che mette in soggezione un presidente alle prime armi.
Il nostro Presidente si è costruito autorevolezza con il suo lavoro e la serietà che lo hanno portato a garantire alla nostra società una posizione importante nel panorama sportivo del nostro territorio. Sapere che continuerà ad accompagnarci e supportarci con i suoi consigli per sviluppare lo spirito di continuità è stimolo a far bene”.

Dino Milanesi, rieletto nel Consiglio Direttivo:

“Quando ho iniziato a giocare tu, Claudio, eri già una persona importante e impegnata del Rugby Rho. Poi siamo stati compagni di squadra e amici in spassose trasferte. Infine, Presidente innovativo. Sono passati molti anni. Grazie per tutto il tempo che hai sacrificato per la nostra società e per noi”.