Si può fare!

Sabato pomeriggio al campo di Passirana piove, non ci siano lampi ma sta iniziando a fare buio. Nessuno può con certezza dirlo, ma parrebbe che da bordo campo o da qualche angolo della tribuna, proprio poco prima della fine delle partite, si sia distintamente sentito:

SI… PUÒ… FARE!”

Certamente l’enfasi è lontana dall’essere quella profusa da Gene Wilder quando ritrova gli appunti del suo avo. Nonostante questo, qualche cosa si è mosso, qualche piccola consapevolezza si è concretizzata; niente di trascendentale o di paragonabile a una rivelazione, ma fatto sta che qualcuno afferma che questa frase abbia davvero attraversato l’aria di Passirana!

Andiamo con ordine
I nostri ragazzi affrontano, con lo schema del triangolare, le squadre dell’Orio e dei Chicken. La prima partita del triangolare ci vede spettatori, offre la possibilità di prendere qualche spunto su come impostare gli incontri e in più il piccolo vantaggio di disputare la prima partita con una squadra che ha già giocato. Scendiamo quindi in campo ad affrontare l’Orio che si dimostra una squadra ben disposta in campo, con una presenza fisica importante. I nostri ragazzi sfruttano il vantaggio della maggior freschezza e riescono a concretizzare una doppia marcatura nelle prime fasi di gioco. I Bergamaschi non stanno però a guardare e prima della fine del primo tempo accorciano le distanze. Il secondo tempo riprende con un sostanziale equilibrio, nonostante questo riusciamo comunque a realizzare altre due mete. Prima della chiusura Orio varca per la seconda volta la linea di meta.

La seconda partita
Il piglio del Rho nella seconda gara è ancora quello giusto. Si crea un buon volume di gioco che comunque risulta essere ben contenuto dalla compagine dei Chicken e si assiste quindi a un’altalena di mete da entrambe le parti. Ad aprire le marcature sono ancora i nostri ragazzi, ma anche in questo caso i ragazzi di Rozzano non stanno a guardare e rispondono punto su punto. Il primo tempo termina 14 a 14. Nella ripresa riusciamo ad allungare e chiudiamo con una meta di vantaggio.
Quindi quale sarebbe l’elemento che avrebbe fatto vibrare nell’aria quel “Si può fare”? Diciamo che, complici le assenze di qualche veterano e alcune scelte tecniche, questo sabato il numero di giovani leve in campo è cospicuo! Nonostante questo, lo spirito di squadra va oltre la squadra. Il gioco, guidato da mani più esperte non finisce per perdersi in altre mani meno esperte, ma prosegue! Inizia a percepirsi la voglia di crederci e di fare… Forse sabato è nata un po’ di consapevolezza in più e ci si rende conto che è lo spirito di squadra a essere l’elemento di continuità tra chi si alterna in campo. Come dicevo, non si sono visti lampi in cielo né uditi fragorosi tuoni (come per altro in campo non abbiamo assistito mirabolanti azioni pirotecniche), però, la consapevolezza che stia crescendo uno spirito di squadra, incomincia a percepirsi.

E anche questo sabato si chiude con un canto!

Tabellino

Rho – Orio: 26 – 12

  • Musella + tr Rinaldi
  • Musella + tr Rinaldi
  • Orio + tr
  • Frigerio + tr Rinaldi
  • Orio
  • Condorelli

Rho – Chicken: 26 – 21

  • Musella + tr Rinaldi
  • Chicken + tr
  • Vallin + tr Rinaldi
  • Chicken + tr
  • Sta
  • Chicken + tr
  • Rinaldi + tr

Il link alle foto.